Recensione del Trovatore - 4 giugno 2017

di Lisa Menditto

IMGP5805 ridotta per sito
Si apre il sipario con la voce dell'oratore Daniele Rubboli nel pomeriggio domenicale datato 4 Giugno 2017, presso l'Auditorium "Rita Levi Montalcini" di Mirandola. Il compositore italiano Giuseppe Verdi si desta dal sonno eterno con il suo Trovatore e plasma un milieu prestigioso per la selezione in forma di concerto dell'opera organizzata dall'Associazione Culturale "Amici della Musica" di Mirandola, sotto la presidenza del sig. Milton Marelli e la direzione artistica del Maestro Lucio Carpani. Come introduzione degna di nota la regia alza il volume sull'anteprima di due dei brani del nuovo disco realizzato dalle voci del Coro Giovanile "Augusta", progetto di beneficenza per il sisma del centro Italia nel 2016. Viene poi riservato un meritato applauso al notevole clarinettista mirandolese Emiliano Dolce, premiato con il premio "Pico d'Argento" in seguito ad una pregevole esibizione. Procede l'evento sulle note del Trovatore; Daniele Rubboli introduce di volta in volta i quattro atti fungendo da prologo per gli interventi degli interpreti del Conte di Luna (Walter Franceschini, baritono), Leonora (Maria Simona Cianchi, soprano), Azucena (Anna Lucia Nardi, mezzosoprano) e Manrico (Simone Mugnaini, tenore). Il Maestro Lucio Carpani accompagna le loro voci al pianoforte con grande maestria, riuscendo a conferire ancora più spessore e veridicità ai sentimenti dei personaggi, permettendo al pubblico di immedesimarsi completamente nel contesto. Sul palco anche il Coro "Città di Mirandola" e la Corale "G. Rossini" di Modena, diretti dal Maestro Luca Saltini, che eseguono, fra gli altri, il "Miserere", in memoria delle vittime del sisma del 2012. Vengono infine consegnate le borse di studio per le migliori recensioni relative al concorso "Studenti all'Opera" 2017, un'iniziativa che prende vita grazie agli Amici della Musica di Mirandola in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio e l'Arena di Verona. Un pomeriggio all'insegna della musica classica e al vanto del repertorio musicale italiano. Un ringraziamento speciale agli Amici della Musica in quanto associazione frutto di chi non ha mai rinunciato ai propri sogni e di chi vuole dire ai giovani di fare altrettanto.

Pin it