Quattro mani e mille emozioni - 27 luglio 2017

QUATTRO MANI E MILLE EMOZIONI PER UN INCONTRO A REGOLA D’ARTE ORGANIZZATO DAGLI “AMICI DELLA MUSICA” DI MIRANDOLA
di Lisa Menditto

L’assortito programma di “Mirandola Classica – Estate 2017” organizzato dagli Amici della Musica di Mirandola ha promesso grandi cose e, in occasione del secondo incontro di Giovedì 27 Luglio 2017, ne ha dato ampia prova. Con un foyer infervorato da un pubblico cospicuo e tutto meritato, il Teatro Nuovo di Mirandola ha accolto con grande onore due angeli del pianoforte, Lucio Carpani e Francesca Fierro, artisti entrambi dotati di un talento sovrumano. Un duo pianistico che, già dalle prime note, ha donato due ali al Teatro permettendogli di librarsi in una dimensione magica, dissociata da qualsivoglia schema temporale e spaziale poiché profonda oltremodo per essere rinchiusa all’interno delle mura di convenzioni terrene; quattro mani che hanno cullato emozioni e commozione di chi ha avuto il privilegio di offrire un tale piacere alle proprie orecchie. Il repertorio musicale offerto dai due pianisti è stato non meno onorabile: Felix Mendelssohn Bartholdy con l’Ouverture dalla sua composizione “Sogno di una notte di mezz’estate”, rammentante l’omonima commedia shakespeariana; Franz Schubert e l’incantevole Fantasia in fa minore D940 dedicata alla sua amata allieva; Franz Liszt, Rapsodia ungherese no.2, per un finale nel pieno del fervore. Tutti compositori che, se avessero potuto opporsi all’inesorabile termine al quale è impossibile sottrarsi e se avessero dunque potuto essere presenti, avrebbero applaudito con la stessa gioia e con lo stesso soddisfacimento del pubblico. Lucio Carpani e Francesca Fierro hanno combinato umanità e doti in una splendida cornice di umiltà, elemento indispensabile per la più autentica e pura comunicazione di vere emozioni e, in special modo, virtù in dono solo ai veri artisti, i più grandi e i più genuini. A fine concerto, solo visi felici sono usciti dal foyer; ospitalità e affabilità hanno regnato attorno all’offerta di bevande, posta all’entrata, rendendo la serata priva di qualsiasi difetto. Un concerto quello del 27 Luglio 2017 che rimarrà nel cuore di ognuno per molto tempo o, di gran lunga più plausibile per il segno lasciato dall’appagamento emozionale, per sempre.
 2017.07.27 Lisa1

2017.07.27 Lisa2


2017.07.27 Lisa4





Pin it