Ricordando Luciano Pavarotti

GLI AMICI DELLA MUSICA CONCRETIZZANO IL DESIDERIO DEL MAESTRO LUCIANO PAVAROTTI IN UN GRANDE CONCERTO IN SUO ONORE
di Lisa Menditto

Negli ultimi istanti della sua vita, il Maestro Luciano Pavarotti spese il poco fiato a disposizione per esternare la propria speranza di essere rammentato come cantante d'Opera. E così gli Amici della Musica di Mirandola, con un grande concerto in onore del tenore che ha dipinto con successo il tardo pomeriggio di Domenica 29 Ottobre in Auditorium "Rita Levi Montalcini", hanno voluto evocare nel migliore dei modi, in occasione dei dieci anni dalla sua scomparsa, l'aspetto a loro più caro e più importante del Maestro fra quelli che lo hanno contraddistinto, in conformità con il suo desiderio; non a caso, amici della musica sì, ma principalmente di quella più bella: la lirica. Per il caro Luciano un evento di massima qualità e di grandi ospiti: la presenza di Adua Veroni, prima moglie di Pavarotti e amica di vecchia data del Presidente del circolo Milton Marelli, e quella di Micaela Magiera, figlia del soprano Mirella Freni, hanno segnato una fase di grande orgoglio nella storia e nella vita attiva dell'associazione e ne hanno valorizzato l'ininterrotto impegno con il loro sincero intervento di riconoscenza sul palcoscenico. La grandezza dell'evento è stata generata inoltre dalla rigorosa selettività con la quale sono state scelte sole presenze dall'elevate capacità e dalla determinante esperienza. Si parta con un devoto riferimento a Daniele Rubboli, al timone del concerto con la sua impareggiabile conduzione; da lui preannunciate le ottime prestazioni dei cantanti Sergio Escobar, Cristina Barbieri, Cristina Melis e Francesco Ellero D'Artegna, rispettivamente tenore - direttamente dalla Spagna – soprano, mezzosoprano e basso. Ad accompagnarli al pianoforte per tutta la durata dell'evento il Maestro Lucio Carpani, grazie al quale si sono potuti considerare, come si suole dire, in ottime mani. Ad arricchire ulteriormente il palcoscenico anche il Coro Città di Mirandola e la Corale Rossini di Modena, diretti dall'esperto Direttore Luca Saltini. E come chi ha seguito gli appuntamenti dell'associazione abbastanza da poterlo constatare, l'alta qualità per gli Amici della Musica di Mirandola è una priorità anche e soprattutto nel repertorio offerto al loro pubblico: l'Overture da 'Carmen' e il Preludio da 'Traviata' in due performance per pianoforte a quattro mani dei Maestri Lucio Carpani e Luca Saltini hanno dato inizio alle rispettive parti del concerto anticipando le esibizioni soliste o in concomitanza con i cori che hanno incluso arie come Habanera da 'Carmen', Sì, mi chiamano Mimì da 'La Bohème', Ah sì ben mio dal 'Trovatore', Gli arredi festivi... sperate o figli da 'Nabucco', Un bel dì vedremo da 'Madama Butterfly', da 'Pagliacci' Vesti la giubba e gli immancabili Va Pensiero con profezia da 'Nabucco' e da 'Tosca' E Lucevan le stelle, una fra le arie più evocative del Caro Luciano per il quale un Auditorium gremito si è raccolto nell'emozione; e così il  grande Maestro Luciano Pavarotti da lassù, tra le luccicanti stelle, ha potuto percepire la devozione di quegli Amici che lo ricorderanno sempre in rispetto del suo volere.
IMGP7036 piccola
IMGP7039 piccola

Pin it